SS Lazio nella web dei tifosi della SS Lazio.

colori e simboli della lazio

Creare articolo

Prima di creare un nuovo articolo, accedi al motore di ricerca e controlla che non ci sia già l'articolo che vuoi creare. Se non esiste crealo e se esiste già puoi editarlo per aggiungere l'informazione che non abbiamo. Grazie!

Denuncia

Per favore indica il motivo per il quale vuoi denunciare l'articolo.

Per favore, copia/incolla il paragrafo che stai denunciando per localizzare il testo nell'articolo. Grazie.

colori e simboli della lazio

Invia ad un amico

Colori

I colori storici della S.S. Lazio sono il bianco e il celeste, scelti in onore della Grecia, patria delle Olimpiadi, in quanto la società capitolina fu fondata in un periodo di rinascita dell'antico spirito olimpico. Per la scelta dei colori determinante fu il giudizio del principale fondatore, Luigi Bigiarelli, mentre uno dei suoi amici nonché socio fondatore, Olindo Bitetti, fu colui che ispirò la scelta del nome della storica società capitolina. Per i colori della loro maglia (la prima completamente bianca e poco dopo a scacchi bianchi e celesti), i giocatori della Lazio sono anche soprannominati Biancocelesti o Biancazzurri.

Simboli

Lo stemma

Il simbolo della S.S. Lazio è l’Aquila, scelta in quanto emblema di potenza, vittoria e prosperità. Nel 2010 la società capitolina ha adottato un'aquila che, battezzata col nome di Olimpia,[31] in onore di quegli ideali olimpici che animarono i fondatori della polisportiva biancoceleste, prima di ogni gara casalinga viene fatta volare per qualche minuto all'interno dello stadio. Nel corso degli anni lo stemma della Lazio ha subito varie modifiche, come quando durante il regime fascista campeggiava sullo stemma della società biancoceleste, oltre l'aquila, un fascio, emblema del regime mussoliniano. Particolare è anche il simbolo adottato negli anni ottanta, caratterizzato esclusivamente dalla figura stilizzata dell'aquila, molto apprezzata dai tifosi laziali. Lo stemma attuale, il quale ha subito l'ultimo restyling nel 1992, raffigura un'aquila d'oro che si posa su di uno scudo a strisce verticali bianche e celesti sul quale campeggia il nome della società. Tale emblema è stato rivisitato in una versione speciale in occasione del centenario laziale ed è rimasto per un anno esatto sulle maglie della Lazio a partire dal 9 gennaio 2000: all'interno dello scudo a bande bianche e celesti sovrastato dall'aquila era presente in forma stilizzata e a grossi caratteri il numero 100, che andava a ricordare gli anni trascorsi dalla fondazione del glorioso club romano.

Inno ufficiale

L'inno ufficiale della S.S. Lazio è Vola Lazio vola, composto ed interpretato nel 1983 dal cantautore romano Toni Malco, da sempre sostenitore dei colori biancocelesti. Per la presentazione di questo inno fu organizzata una serata di gala durante la quale lo cantarono anche tre "bandiere" della Lazio come Vincenzo D'Amico, Bruno Giordano e Lionello Manfredonia, i quali hanno ripetuto la loro performance proprio in occasione dei 25 anni di Vola Lazio vola, recentemente festeggiati.[32] Altro idolo della tifoseria laziale ad aver intonato insieme a Malco l'inno biancoceleste è stato Giuseppe Signori, all'epoca bomber della formazione capitolina. Vola Lazio vola è trasmesso dagli altoparlanti dello Stadio Olimpico alla fine di ogni partita vinta dalla Lazio, mentre poco prima dell'inizio delle gare casalinghe della formazione capitolina viene diffuso l'inno Non mollare mai, scritto ed interpretato dal cantautore romano Francesco Scarcelli.

Pagina creata da zarate

Articoli relazionati

Storia S.s. Lazio | Idoli Laziali

È probabile che questo articolo contenga materiale della Wikipedia questo materiale viene utilizzato in senso ai termini di licenza libera di documentazione GNU